Le ultime notizie prima dell'anno della fine del mondo...

29 dicembre 2011 - pubblica su Facebook LinkedIn Xing Twitter FrienFeed Technorati Google Ok Notizie Thumblr

Tra un anno oggi, il 30 dicembre, sapremo se avranno avuto ragione i catastrofisti del 21 dicembre 2012 oppure quelli che non se ne importano. Se non sappiamo quale sarà il nostro destino tra un anno, possiamo però tentare di evitare le catastrofi che ci procuriamo da soli, ogni giorno, nei nostri campi di attività. Per esempio quando ci occupiamo di elearning.

Una nuova iniziativa del MIT che ci interroga sul futuro delle università
E' di pochi giorni giorni fa la notizia che per il 2012 il MIT lancerà una nuova iniziativa nel campo dell'elearning denominata MITx. Non si tratterà di una evoluzione dell'Open Course Project di cui si è già parlato abbondantemente in passato e che in pratica si limitava a distribuire contenuti ad accesso gratuito. E' un vero e proprio cambio di paradigma. Questa volta il MIT metterà a disposizione oltre ai contenuti anche veri e propri strumenti di apprendimento online. E anche questi saranno più che gratuiti: saranno Open Source. Inoltre, anche se non è ancora chiaro come, sarà disponibile una qualche forma di certificazione delle competenze attribuibile al MIT stesso.

Quel che dovrebbe spaventare i tradizionalisti è l'approccio proposto. E' un approccio che può rappresentare una catastrofe peggiore di quella minacciata dai Maya per tutte le università che hanno al cuore del proprio modello l'erogazione dei titoli. Ce ne sono troppe in giro per il mondo, ma anche in Italia non ce ne sono poche. Di sicuro fra quelle private, ma anche fra quelle pubbliche.

C'è un modo per evitare la catastrofe?
Sì. Ce lo suggerisce Rhett Allain nel suo blog su Wired Science. La soluzione non è concentrarsi sui contenuti e neppure sugli strumenti per l'apprendimento, ma sulla capacità di costruire comunità di studenti che apprendono. Chi ci riesce non avrà il problema della concorrenza sleale del MIT e dei prossimi, prevedibili, emuli. Ma per farlo dovrà essere in grado di mettere al centro la relazione con le persone. Cosa che non mi pare essere al primo posto nelle preoccupazioni delle università in Italia.

Auguri a tutti. Comunque vada il prossimo anno non sarà per nulla un anno banale.



Master online traduzione e multimedia
Non sono molti i corsi in elearning seri in circolazione. Tra questi c'è sicuramente il Master online in Traduzione e Multimedia organizzato dall'Università di Parma. La cosa interessante è che il formato dei moduli è interamente relazionale basato sulle interazioni all'interno del forum.
La scadenza per le iscrizioni è il 18 gennaio e tutte le informazioni sono qui.



Segnala questa pagina: Condividi
can you buy cialis online viagra india