Come iniziare (e finanziare) il progetto di e-learning?

27 aprile 2010 - pubblica su Facebook LinkedIn Xing Twitter FrienFeed Technorati Google Ok Notizie Thumblr

La primavera e l'e-learning...
Post scritto da Mauro Sandrini. Seguimi su Twitter oppure su Identica.

L'e-learning è un sistema complesso di tecnologie, metodologie e contenuti che inizia ogni volta dall'idea di un singolo.

Può essere il desiderio di sperimentare un nuovo modo per fare il training, oppure la volontà di risparmiare, oppure il voler conservare il sapere degli anziani prima che arrivi la pensione... Ma questi sono solo alcune delle mille ragioni per cui ci si avvicina all'e-learning.

Se si va a guardare bene il motivo profondo per cui lo si fa è solo uno: la voglia di risolvere un problema in modo da influenzare in meglio la propria vita e quella di chi ci circonda.

In passato non tutto l'e-learning è stato fatto così. Molte esperienze nate nel capo di qualche genio isolato si sono risolte in pratiche frustranti dove contenuti modesti sono stati imposti a coloro che hanno dovuto seguire questi corsi semplicemente perché in certi casi “la formazione è un obbligo”. Non è necessario fare i nomi. Basta chiedere in giro. La formazione come obbligo è all'origine del disastro dell'e-learning. Qualche anno fa, quando c'erano più soldi in giro, e anche più disponibilità a “provare per provare”, sono stati fatti molti esperimenti e-learning per assolvere all'obbligo della formazione. Erano generalmente centrati su un progetto tecnologico che imponeva le scelte metodologiche e di contenuto. L'eredità che questo modo di fare ha lasciato è che ancor oggi molti pensano che l'e-learning serva a poco. Ed è vero. Quell'e-learning serve davvero a poco. Perchè non produce valore.

Non è l'unico modo per farlo però. Se all'interno di un gruppo sociale (azienda, associazione, pubblica amministrazione, università) c'è qualcuno che si accorge di un problema nel modo di imparare e condividere le conoscenze, allora c'è spazio per iniziare a sperimentare una soluzione con l'e-learning. Su basi nuove però. Iniziando prima a capire la natura del problema e solo dopo a scegliere le tecniche e i metodi per costruire la soluzione. La tecnologia e gli strumenti vengono dopo.

La cosa migliore in questi casi sarebbe incontrare di persona chi ha già percorso questa strada per poter condividere dubbi e obiettivi. Non solo per evitare passi falsi ma, sopratutto, per capire come realizzare il progetto di e-learning in modo che possa essere accolto dalla comunità cui è destinato. E come possa diventare il primo passo per un sistema di apprendimento innovativo per l'intera organizzazione.

Per questo organizziamo  i workshop di E-learning & Innovazione. Per permettere a chi vuole iniziare di incontrare altri che si trovano nella stessa situazione e, insieme a loro, poter estrarre il massimo dagli esperti. È il fuoco di fila delle domande di chi ha un problema concreto da risolvere che rende interessante l'esperienza del workshop. E sopratutto è interessante perchè non è obbligatorio partecipare. Chi viene porta con sè il proprio desiderio di fare e capire, e questo si trasforma in energia positiva che si converte nel progetto da realizzare.

Il prossimo appuntamento sarà il 21 Maggio a Verona dove sarà possibile interrogare gli esperti non solo sulle questioni specifiche dell'e-learning ma anche su come finanziare il proprio progetto. Se vuoi saperne di più cliccando qui trovi tutte le informazioni dell'evento.

Segnala questa pagina: Condividi
can you buy cialis online viagra india