E-learning ed e-book. La grande partita dell'editoria

20 maggio 2010 - pubblica su Facebook LinkedIn Xing Twitter FrienFeed Technorati Google Ok Notizie Thumblr




L'e-learning con i libri?
Post scritto da Mauro Sandrini. Seguimi su Twitter.

Il modo con cui si parla degli e-book assomiglia a come si affrontava la questione di Internet all'inizio degli anni '90: una novità per appassionati un po' pazzi che avevano tempo da perdere per inseguire gli ultimi gadget tecnologici. Il mercato di Internet ancora non esisteva. L'unico mercato era quello degli abbonamenti ai provider che si sommava al costo della normale telefonata. Il commercio elettronico, Amazon, le prenotazioni dei voli e delle vacanze non erano ancora comparsi nell'immaginario collettivo delle possibilità che si aprivano.

Oggi con la questione degli e-book ci troviamo in una situazione analoga. Il dibattito è ristretto ai dispositivi e c'è molto scetticismo da parte degli interlocutori. Questo atteggiamento è comprensibile se si guarda ai numeri e allo stato attuale delle tecnologie. I numeri sono modesti sul piano internazionale e impercettibili su quello nazionale. Non è un fenomeno (ancora) interessante per chi fa business oggi.

I numeri e lo stato delle tecnologie, però, non sono l'unico modo per guardare ai processi che avvengono nella società, sopratutto quando sono all'inizio. Se si guarda agli e-book esclusivamente come dispositivi per la lettura, la tecnologia è probabilmente ancora immatura, ma se si guarda ad esso come alla evoluzione del modo con cui i concetti vengono trasmessi da persona a persona, quel modo che da cinquecento anni è stato affidato al libro di carta, le cose cambiano.

Oggi siamo immersi nella multimedialità, ma anche nel mondo del multimedia la parola scritta ha ancora un ruolo predominante che non è solo quello riservato ai giornalisti o agli specialisti che  usano documenti scritti per comunicare fra loro. Il ruolo fondamentale della parola scritta oggi è quello di CREARE CONTESTI. Ad esempio se guardiamo un video su youtube è come prendere un atomo isolato dal contesto: tutto il contenuto è relegato alla fruizione passiva di quel video. Se lo stesso video viene inserito in una pagina in una pagina in cui sono raccontati i motivi per cui esso è interessante da guardare allora sono proprio le parole scritte che valorizzano il video stesso...

Le parole scritte, inoltre, permettono di risparmiare tempo e creare ordine: lo sa bene chi produce contenuti per l'e-learning ove con un uso sapiente delle parole (meta tag) è possibile rendere rintracciabile materiale multimediale che altrimenti andrebbe presto a costituire un ammasso informe ed inutilizzabile perché contiene documenti impossibili da ritrovare.

La questione degli e-book oggi è importante perché è la punta dell'iceberg di un processo che riguarda l'evoluzione del ruolo della parola scritta nella nostra società. Non tanto perché sia una questione di mercato, oggi non lo è ancora.

Ma lo sarà. Nei modi che sapremo inventare e che non riguarderanno solo i dispositivi tecnologici che oggi chiamiamo e-book reader.

Oggi si tende a ritenere Internet una grande rivoluzione, ma Internet e tutto quel che consegue è stato possibile grazie alla parola scritta. Non ci sarebbero e-mail, non ci sarebbe questa pagina che stai leggendo senza la parola scritta. Essa è il supporto naturale a tutti processi di apprendimento e offre il contesto ideale per veicolare gli altri media.

Per questo è importante seguire l'evoluzione del fenomeno degli e-book per chi si occupa di e-learning; al di là delle difficoltà tecniche, di gestione dei diritti e della maturità del mercato. Si tratta di  qualcosa di semplicemente troppo interessante per non seguirlo. E per ascoltare tutte le voci.

Per procedere lungo questo percorso di approfondimento oggi mettiamo a disposizione un'intervista di Cristina Mussinelli che cura per l'AIE (Associazione Italiana Editori) una serie di workshop molto interessanti sulle questioni emergenti dell'editoria digitale (http://www.aie.it/) ed è una delle promotrici di EDITECH, evento sull'editoria e sull'innovazione tecnologica che si svolgerà a Milano il prossimo 25 giugno (http://www.editech.info).

Scarica l'intervista mp3

L'intervista è una esclusiva di E-learning e Innovazione e può essere scaricata liberamente qui sotto:

Scarica l'intervista

Segnala questa pagina: Condividi
can you buy cialis online viagra india